03-2011 | Speciale | calcestruzzo
PDF Stampa E-mail

Costruire in calcestruzzo prefabbricato

I vantaggi dell’edilizia industrializzata in calcestruzzo

dott. ing. Patrizia Ricci

È noto che la prefabbricazione sia un metodo cantieristico molto antico, potendone far risalire le origini all’età di Roma e ancor prima, e che si possa dunque affermare che il criterio di prefabbricare appartenga all’uomo e sia indice di razionalità, insito per così dire nella natura umana. Ma se si può dire che la storia della prefabbricazione non abbia origine temporale e spaziale, lo stesso non si può dire per il processo di industrializzazione. Industrializzare significa infatti applicare i modi dell’industria, cioè organizzazione di uomini e mezzi avente per finalità la produzione in un certo settore. La prefabbricazione, intesa come processo industrializzato e strumento per la produzione in serie di interi sistemi o di componenti edilizi, da porre in opera mediante semplici operazioni di montaggio, rappresenta una delle grandi innovazioni del campo edile. Nel libro intitolato “Cinquant’anni dopo – Il cemento armato dai primordi alla maturità”, il prof. Franco Levi scriveva: “È significativo che la denominazione delle più importanti innovazioni che si sono sviluppate nella seconda metà del XX secolo nel campo dell’ingegneria civile, la precompressione e la prefabbricazione, comportino entrambe lo stesso prefisso.

Ciò sta a significare che, nei due casi, si vuole evidenziare l’introduzione sui cantieri di nuovi processi che comportano operazioni non tradizionali, in un certo senso estranee a quelle di solito realizzate in sito”. Il processo industrializzato dei manufatti cementizi permette di garantire ai singoli componenti un’elevata qualità di costruzione e realizzazione, una maggiore durabilità, cioè l’efficienza delle proprie prestazioni nel tempo, e una grande flessibilità, dato che la versatilità dei manufatti cementizi consente la realizzazione di edifici di forma e dimensioni non convenzionali. Infine non va dimenticato il rispetto dei tempi che consente il ricorso ad una soluzione in elementi prefabbricati con l’aumento della velocità di costruzione e la relativa riduzione del personale necessario in cantiere. La prefabbricazione infatti non è più sinonimo di standardizzazione, ma piuttosto rappresenta una razionalizzazione del processo costruttivo, consentendo di eliminare qualsiasi improvvisazione in cantiere. Offre una soluzione tecnica che amplia le performance del prodotto, grazie alle macchine a controllo numerico che rendono possibile una produzione di elevata precisione, e ottimizza le tempistiche di cantiere, garantendo costi contenuti e prestazioni certificate.

La richiesta crescente di manufatti “fuori standard” ha portato alla realizzazione di nuovi componenti industriali dotati di caratteristiche tecniche, strutturali ed estetiche sempre nuove che hanno arricchito notevolmente la produzione delle aziende di prefabbricazione edilizia. La produzione industriale delle strutture offre dunque una valida alternativa ai sistemi di costruzione tradizionale per la realizzazione di edifici ad alta qualità energetica e ambientale pur mantenendo costi contenuti (il risparmio stimato rispetto alle strutture tradizionali è di circa il 30%) e tempi realizzativi ridotti. (L´articolo apre lo Speciale "Progettare e Costruire in calcestruzzo prefabbricato pubblicato alle pagg. 7-12 di questo numero)

Argomenti dello Speciale

I vantaggi dell´edilizia industrializzata in calcestruzzo

Ricerca e innovazione per le costruzioni prefabbricate

prof. ing. Giandomenico Toniolo

Il presidente ASSOBETON Renzo Arletti: "Puntiamo sulla qualità"

dott. Patrizia Ricci

Indicazioni per una progettazione antisismica moderna

prof. ing. Paolo Riva

Il ruolo sempre più importante assunto dall´architettura

prof. arch. Enrico Dassori

 

Usiamo i cookies per darti un'esperienza pratica e senza soluzione di continuità sul nostro sito. Continuando a navigare in questo sito, concordi con la nostra politica sui cookies. Scopri di più sui cookies nella nostra pagina dedicata alla Politica sui Cookies.

Accetto e proseguo la navigazione del sito