Professione. La crisi salva gli ingegneri

L’occupazione per i laureati in ingegneria sembra non conoscere la crisi. Secondo i dati di Alma Laurea, a un anno dal titolo già lavorano 2/3 dei nuovi ingegneri, con una percentuale che supera il 90% a cinque anni dopo la laurea. Otto su nove dei neo assunti ha un impiego stabile e un guadagno mensile netto, in media, di più di 1.700 euro, superiore a tutte le altre categorie. Inoltre, il posto lo trovano rapidamente, mediamente quattro mesi circa dopo l'inizio della ricerca.

E non è una situazione di nicchia, perché negli ultimi dodici mesi le richieste di assunzione sono state circa 40.000, concentrate soprattutto in Piemonte, Lombardia, Veneto e Emilia Romagna. Le specializzazioni più richieste sono quelle di progettista e disegnatore che si occupi della progettazione di parti e componenti meccanici. Questo specie nel settore dell’automotive, dove al designer meccanico è richiesto di progettare e definire le caratteristiche dei componenti, dal motore alle trasmissioni. Ma un settore dove sono richieste pure figure come il calibration engineer, specializzato nella calibrazione, anche con competenze "ambientali" in materia di emissioni, o il testing engineer, la cui mansione è testare prototipi e componenti.

Importante in prospettiva, pure la specializzazione in ingegneria dei materiali, nelle divisioni R&S delle aziende manifatturiere che si occupano di ricerca. E ciò dall'ambito siderurgico al tessile, all’imballaggio, all'ottica e al packaging. di ingegnere elettronico Altra specializzazione che incontra notevole successo è quella in ingegneria elettronica e gestionale, soprattutto per le nuove tecnologie, a partire dalle reti di distribuzione/trasmissione dell'energia e della meccatronica. In questo caso un profilo particolarmente ricercato è quello del project manager che sappia gestire le commesse ottimizzando costi e processi.

In generale quindi progettisti e designer meccanici, project manager in grado di gestire commesse ottimizzando i costi e i processi produttivi, oppure responsabili di ricerca e sviluppo nel campo della scelta e messa a punto di processi e prodotti innovativi. Profilo molto ricercato e trasversale, inoltre, è il field service engineer, figura che unisce qualità tecniche e commerciali, sapendo affiancare a competenze tecniche le soft skills necessarie a operare sul fronte commerciale. Ma più o meno tutte le diverse specializzazioni dell’ingegneria trovano ampiamente impiego e il possesso della laurea si potenzia poi con altri tipi di attitudini, particolarmente richieste dal mondo del lavoro, in primis capacità di problem solving, conoscenza delle lingue e abilità nella comunicazione.

 

Usiamo i cookies per darti un'esperienza pratica e senza soluzione di continuità sul nostro sito. Continuando a navigare in questo sito, concordi con la nostra politica sui cookies. Scopri di più sui cookies nella nostra pagina dedicata alla Politica sui Cookies.

Accetto e proseguo la navigazione del sito