Riprende la corsa del nucleare

 

Secondo l’AIEA, l’Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica, malgrado i negativi effetti dovuti all’incidente di Fukushima, che ha comportato una sensibile contrazione dell’utilizzo dell’energia nucleare nel 2011, conseguente allo spegnersi di 13 reattori nel mondo, l’evento non ha comunque inciso sul trend di crescita del settore. Superato un primo periodo di incertezza, nel 2012 i reattori attivi nel mondo sono risultati 437, due in più rispetto all’anno precedente. Lo afferma l’Agenzia nel suo ultimo rapporto che indica in 67 i reattori ancora in fase di realizzazione, di cui 47 dislocati in Asia. Solo la Cina ne ospiterà 4. La Corea del Sud, la Russia, gli Stati Uniti e gli Emirati Arabi sono gli altri Paesi che hanno deciso di dotarsi a breve di nuovi impianti. Il rapporto dell’AIEA prevede infine un incremento della capacità nucleare nel mondo compreso tra il 23 ed il 100% da qui al 2030.

 

Usiamo i cookies per darti un'esperienza pratica e senza soluzione di continuità sul nostro sito. Continuando a navigare in questo sito, concordi con la nostra politica sui cookies. Scopri di più sui cookies nella nostra pagina dedicata alla Politica sui Cookies.

Accetto e proseguo la navigazione del sito