12 - 2013 | Concorso di idee "Mario Gottardi"
PDF Stampa E-mail

Una passerella ciclopedonale sul Naviglio Martesana

Roberto Di Sanzo

 Concorso Gottardi 1 premio

Il progetto "Leonardo" vincitore del Concorso

 

E’il progetto “Leonardo” dell’architetto Matteo Pietrantonio il vincitore del concorso d’idee “Mario Gottardi. Per una passerella ciclopedonale sul Naviglio della Martesana”, indetto dal Collegio degli Ingegneri e Architetti di Milano, dall’Istituto per i Navigli/Associazione Amici dei Navigli e dalla SIE (Società Italiana di Ergonomia).

Classe ’86, originario di Arese, in provincia di Milano, l’architetto Pietrantonio è stato premiato per il suo progetto con la seguente motivazione: “Interpretazione ottimale del concetto di passerella, con ottima accessibilità per tutti gli utenti, ottenuta con l’inserimento di un semplice meccanismo di sollevamento e un modesto dislivello fra la quota del ponte e quella dell’alzaia; ottima riconoscibilità e comunicatività ambientale. Adozione di elementi semplici e tuttavia in grado di conferire al luogo una nuova e forte identità.

Soluzione originale e coerente in ogni sua parte”. In seconda posizione si è classificato il progetto “Et fare infiniti ponti”, dell’architetto Andrea Tanganelli; terzo premio per “Swing Bridge” dell’architetto Filippo Dragoni.

Concorso Gottardi 2 premio

 Il progetto "Et fare infiniti ponti" - 2° classificato

Concorso Gottardi 3 premio

 Il progetto "Swing Bridge" - 3° classificato

 

Da segnalare anche quattro menzioni particolari, introdotte dal moderatore dell’evento, il giornalista del “Corriere della Sera”, Pierluigi Panza: “Dionaea: un fiore a Milano”, dell’architetto Paolo Labbadini; “Nuotando nell’aria”, dell’architetto Stefano Tornieri; “Eppur si muove”, dell’ingegner Ruben Carboni; “Ciak si gira”, dell’ingegner Matteo Pierami. Nel corso della premiazione, tenutasi alla Triennale di Milano, Bruno Finzi, presidente del Collegio degli Ingegneri e Architetti di Milano ha ribadito il grande successo del concorso, che ha visto la partecipazione di ben 48 progetti, provenienti da tutta Italia, con la presenza anche di un elaborato proveniente dalla Francia ed uno dal Portogallo.

“Abbiamo avuto un ottimo riscontro – ha detto l’ingegner Finzi, che ha introdotto l’evento di premiazione – con una serie di progetti di indubbio valore e dagli interessanti aspetti tecnici e architettonici”. Di alto profilo la giuria che ha giudicato i progetti, composta da: Bruno Finzi (Collegio degli Ingegneri e Architetti di Milano); Maria Berrini (Direttore AMAT – Agenzia Mobilità Ambiente e Territorio del Comune di Milano); Marco Engel, architetto; Lorenzo Giorgio (Settore Pianificazione e Programmazione Mobilità e Trasporto Pubblico del Comune di Milano); Giorgio Gottardi; Empio Malara (Istituto per i Navigli/Associazione Amici dei Navigli); Marco Sala (Settore Tecnico Infrastrutture, Servizio Progettazione Nuove Opere e Ristrutturazioni del Comune di Milano); Giuseppina Sordi (Direttore Centrale Sviluppo del Territorio del Comune di Milano); Isabella Tiziana Steffan (Società Italiana di Ergonomia); Roberto Fantoni, architetto; Piero Valtolina, architetto ingegnere. Il concorso di idee ha avuto il patrocinio del Comune di Milano, dell’ADI (Associazione per il Disegno Industriale), dell’Ordine degli Ingegneri di Milano e dell’Ordine degli Architetti, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Milano. La premiazione è stata preceduta dal convegno “I navigli per Milano”. Con l’occasione Riccardo Pellegatta, segretario del Consiglio Nazionale degli Ingegneri, ha voluto ricordare l’architetto Mario Gottardi. In seguito i relatori hanno dibattuto dei temi di attualità concernenti i Navigli e il loro legame con Milano, anche in vista di Expo 2015. Al dibattito hanno partecipato Carmela Rozza, Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Milano; Giuseppe Villoresi, Associazione Riaprire i Navigli; Empio Malara.

 

Usiamo i cookies per darti un'esperienza pratica e senza soluzione di continuità sul nostro sito. Continuando a navigare in questo sito, concordi con la nostra politica sui cookies. Scopri di più sui cookies nella nostra pagina dedicata alla Politica sui Cookies.

Accetto e proseguo la navigazione del sito